Criteri definiti nei sistemi di misurazione e valutazione della performance per l’assegnazione del trattamento accessorio anno 2018

Performance generale di Ente

La performance generale di ente viene espressa in una scala di valori tra 0 e 100 ed è determinata dalla media aritmetica del grado di attuazione degli obiettivi strategici.

Il grado di attuazione di ciascun obiettivo strategico viene calcolato come media aritmetica del grado di raggiungimento di ciascun obiettivo operativo in cui si articola l’obiettivo strategico.

La performance generale di Ente incide sulla valutazione del personale nella misura prevista dal sistema di misurazione e valutazione della performance.

L’incidenza della performance generale di Ente determina la coerenza tra i livelli di misurazione della performance (Ente, unità organizzativa, individuale), per cui non sarà possibile ottenere una valutazione massima in presenza di una performance generale di ente inferiore al 100%.

Nel sistema vigente ai sensi dell’art. 24 del Regolamento sulla performance incide:

1) Per il 50% nella valutazione del Segretario Generale;

2) Per il 30% nella valutazione dei Dirigenti.

Criteri definiti nei sistemi di misurazione e valutazione della performance per l'assegnazione del trattamento accessorio:

L’art. 24 del vigente regolamento della Performance definisce i Premi annuali sui risultati della performance per l’anno 2018 secondo la seguente tabella di riepilogo:

Categoria

Performance generale Ente

Obiettivi individuali

Obiettivi di gruppo

Qualità del contributo

Comportamenti

Competenze

Grado di differenziazione dei giudizi

Segretario

50

20

 

15

5

5

5

Dirigente

30

 

40

15

5

5

5

P.O.

 

30

30

20

10

10

 

D

 

25

25

30

10

10

 

C

 

20

30

30

10

10

 

B

 

15

35

30

10

10

 

A

 

15

35

30

10

10

 


Distribuzione del trattamento accessorio:

In base alle graduatorie per categoria e tipologia di contratto.


Grado di differenzazione dell'utilizzo:

Misurazione capacità di differenziazione

La valutazione della capacità di differenziazione è effettuata dal Nucleo di Valutazione, come segue:

  • È stata effettuata la media delle valutazioni dei collaboratori di ciascun dirigente con riferimento all’anno precedenti (nel calcolo della capacità di differenziazione 2018 confluiranno le valutazioni effettuate con riferimento alle PEO al 2016-2017);
  • È stato calcolato lo scarto quadratico medio delle valutazioni per ciascun dirigente;
  • È stata effettuata una graduatoria dei risultati;
  • il punteggio massimo (pari a 5) previsto dal sistema di misurazione e valutazione vigente verrà attribuito al responsabile che avrà ottenuto il maggior punteggio di dispersione all’esito del calcolo di cui ai punti precedenti.

Agli altri dirigenti verrà attribuito un punteggio proporzionale ai risultati dello scarto quadratico medio, in una scala di valori compresa tra 1 e 4, con esclusione di coloro che avranno ottenuto un indice di dispersione nullo ai quali verrà attribuito un punteggio pari a zero.


Allegati:

24/05/2021 11:45 criteri performance anno 2018

Powered By Studio AMICA Srl

torna all'inizio del contenuto